AERMACCHI MB 339A FIBRA "CONCEPT"

Il mondo dell'aeromodellismo in generale

Messaggioda brigher » ven nov 04, 2011 11:59 am

brigher ha scritto:- Dovresti anche tracciare sulla vista laterale la linea orizzontale di riferimento della fusoliera che puoi ricavarti dalle 6 sezioni (Se osservi attentamente le sezioni/ordinate nel trittico, si nota una linea orizzontale che le taglia. Questa linea, opporunamente riportata nella vista laterale sarà la linea di riferimento della fuso per dare la giusta incidenza ad ala e timone)
- Sia la distanza dell'ala dal muso che la corda alare puoi ricavarli dal trittico


Mi sembra che il trittico così elaborato sia abbastanza esplicativo!

Cmq la linea di riferimento della fusoliera è stata ricavata dalla linea orizzontale (indicata dalle frecce) delle sezioni laterali. Ovviamente la linea di riferimento che ho tracciato è stata fatta ad occhio, quindi non copiarla esattamente, è solo un'indicazione!...bisognerà prendere le misure e tracciarla correttamente!!

Per il posizionamento dell'ala rispetto al muso, appoggia una riga sul bordo di entrata e traccia la linea che unisce il bordo di entrata stesso alla fuso, come nell'esempio del trittico.
Quindi ti ricavi distanza dal muso e anche la corda max dell'ala.

OK??????


P.S. E' bene confrontare le misure così ricavate dal trittico (mi riferisco in particolare al posizionamento dell'ala e del piano di quota) con quelle del FlyFly per verificare se ci siano delle discordanze, il che significherebbe che il modello della FlyFly non è perfettamente in scala, magari per migliorane alcune caratteristiche come la stabilità ecc.

Immagine
http://imageshack.us
Ultima modifica di brigher il ven nov 04, 2011 12:02 pm, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
brigher
Capitano
Capitano
 
Messaggi: 208
Iscritto il: lun apr 07, 2008 10:00 pm
Località: MESSINA

Messaggioda ramirez76 » ven nov 04, 2011 12:00 pm

Le mie incidenze ad occhiometro sono a zero. Ps anche la mia ventola è da 90. O meglio.. 93
TJrc su Facebook

Immagine
Avatar utente
ramirez76
COLONNELLO
COLONNELLO
 
Messaggi: 2270
Iscritto il: dom apr 06, 2008 10:00 pm

Messaggioda Roby » ven nov 04, 2011 2:29 pm

ho recepito tutte le istruzioni.
Il condotto potrà essere fatto più grande senza problemi, tanto poi si crea uno scarico a misura della ventola montata.
Questo permetterà di non avere vincoli sulle dimenioni della ventole e/o eventuale turbinetta!ciò che un pochino mi lascia perplesso sono le prese d'aria. quello comunque sarà un problema di cui ci occuperemo dopo.
Roberto
Avatar utente
Roby
Amministratore
Amministratore
 
Messaggi: 1065
Iscritto il: dom apr 06, 2008 10:00 pm
Località: MESSINA

Messaggioda Josseff » ven nov 04, 2011 3:54 pm

posso chiedere come mai volete fare l'ala con quella soluzione di aggancio alla fusoliera???

immagino che per questioni di centraggio e di efficenza della ventola convenga mettere la ventola abbastanza dietro l'ala, quindi un apertura potrebbe risultare cmq comoda, e batterie e riceventi davanti sotto al cupolino che senza dubbio sarà un pezzo separato sia perchè sarà trasparente sia perchè è comodo :D

perchè realizzare il pezzo centrale dell'ala in fibra? diventa difficile pure un eventuale modifica al profilo o all'incidenza
Avatar utente
Josseff
COLONNELLO
COLONNELLO
 
Messaggi: 673
Iscritto il: mar apr 08, 2008 10:00 pm

Messaggioda Roby » ven nov 04, 2011 4:51 pm

L'idea del centro ala in fibra è solo un idea... se si trovano altre soluzioni più semplici opteremo per quelle!
Roberto
Avatar utente
Roby
Amministratore
Amministratore
 
Messaggi: 1065
Iscritto il: dom apr 06, 2008 10:00 pm
Località: MESSINA

Messaggioda Josseff » ven nov 04, 2011 5:26 pm

la soluzione più semplice credo sia ogni semiala con la presa d'aria incorporatea, di legno o di fibra che sia
che si affacci alla fusoliera nel modo classico con le aperture del caso per la comunicazione della presa d'aria con l'interno della fusoliera

in ogni caso, questa credo sia una decisione da prendere iniziando a sagomare la fusoliera, non quanto per l'attacco della fusoliera in se, quanto perchè è importante sagomarla avengo già perfettamente chiaro almeno un tipo di ventola da volerci montare, con le sue dimensioni, con il tipo di attacchi, con il suo peso

è importante anche stimare dove collocarla per l'appunto, immagino si vogliano mettere i retrattili, e il carrello anteriore è tutto avanti, quindi credo che ci sarà molto peso avanti in questo modello, o quanto meno, è facile spostare pezzi nel vano anteriore, difficile dietro, quindi la arretrerei il più possibile compatibilmente con le distanze tra le prese d'aria e il cono d'uscita, ad occhio credo di dovrebbe andare a collocare con il labbro a metà tra E ed F
Avatar utente
Josseff
COLONNELLO
COLONNELLO
 
Messaggi: 673
Iscritto il: mar apr 08, 2008 10:00 pm

Messaggioda brigher » ven nov 04, 2011 7:48 pm

Josseff ha scritto:la soluzione più semplice credo sia ogni semiala con la presa d'aria incorporatea, di legno o di fibra che sia
che si affacci alla fusoliera nel modo classico con le aperture del caso per la comunicazione della presa d'aria con l'interno della fusoliera

in ogni caso, questa credo sia una decisione da prendere iniziando a sagomare la fusoliera, non quanto per l'attacco della fusoliera in se, quanto perchè è importante sagomarla avengo già perfettamente chiaro almeno un tipo di ventola da volerci montare, con le sue dimensioni, con il tipo di attacchi, con il suo peso

è importante anche stimare dove collocarla per l'appunto, immagino si vogliano mettere i retrattili, e il carrello anteriore è tutto avanti, quindi credo che ci sarà molto peso avanti in questo modello, o quanto meno, è facile spostare pezzi nel vano anteriore, difficile dietro, quindi la arretrerei il più possibile compatibilmente con le distanze tra le prese d'aria e il cono d'uscita, ad occhio credo di dovrebbe andare a collocare con il labbro a metà tra E ed F


Qualsiasi soluzione che possa semplificare il lavoro ed essere efficace è sempre benvenuta....magari sbaglierò però io non riesco a vedere altra soluzione all'infuori di quella prospettata!!

Fare le due semiali alle quali applicare poi una presa d'aria in fibra o in legno è ok, ma poi come si incanala il flusso d'aria proveniente dalle prese verso la ventola?? Si ok, ci possono essere anche le prese centrali nel ventre, ma ciò sarebbe proprio in corrispondenza della radice dall'ala, e sappiamo che non è possibile effettuare troppe aperture in quel tratto se non vogliamo indebolire il tutto.
Se consideriamo il labbro della ventola posizionato pressapoco vicino al bordo di uscita (poco più avanti/poco più indietro) davanti alla ventola bisognerà avere lo spazio libero per l'ingresso dell'aria dalle prese e non impegnato dallo spessore dell'ala. Se l'ala è ad es in polistirolo, quanto materiale bisognerà togliere al centro dell'ala, cioè nella zona più sollecitata, per fare in modo che l'aria partendo dalle prese tradizionali o anche dal ventre, confluisca verso la ventola?? Come verrebbero sagomati questi condotti, se non tagliando tutto o quasi il polistirolo al centro dell'ala?? Analogamente, se l'ala è centinata bisogna fare una spece di condotti interni che inevitabilmente si scontreranno con il longherone, tradizionalmente collocato nel punto di max spessore dell'ala e con la ricopertura superiore della stessa, copertura che in quei punti diventa elemento strutturale. In tal caso, o si ridurrà drasticamente la portata del flusso, o sarà necessario collocare il longherone verso il bordo di uscita e contemporaneamente eliminare parte della copertura, indebolendo la struttura. Teniamo sempre presente che le prese d'aria non si trovano al di sopra dell'ala o nella parte alta del profilo, ma lo attraversano al centro!! E quindi, affinchè le prese non siano considerate finte, dovranno convogliare l'aria attraverso tutto o quasi la spessore dell'ala (ovviamente in quel tratto accanto alla fuso).

Ecco perchè, ma potrei sbagliarmi, la soluzione del pezzo centrale in fibra a me sembra l'uovo di Colombo!!
Avatar utente
brigher
Capitano
Capitano
 
Messaggi: 208
Iscritto il: lun apr 07, 2008 10:00 pm
Località: MESSINA

Messaggioda Josseff » ven nov 04, 2011 8:23 pm

con l'ala di polistirolo in effetti non saprei come fare...
ma se prendiamo un ala centinata in due pezzi con la classica baionetta tubolare, all'interno della fusoliera non è presente, quindi rende possibili le prese d'aria ventrali, la struttura non sarebbe più indebolita che dalla sede di un ala intera

la baionetta per un modello di queste dimensioni sarà da 15 mm al più e quindi non impegna molta area

il posizionamento della baionetta sarà intorno al 40 o addirittura 45% della corda massima alare, poi l'importante è che sia ven vincolata alla struttura , insomma che le centine che attraversa siano robuste

se guardiamo la centina di estremità di un acro di quelli che abbiamo per ora è tutta bucata, consideriamo l'alleggerimento anteriore alla baionetta, facendolo il più grande possibile e mettendolo in comunicazione con l'interno della fusoliera abbiamo il massimo che si può recuperare dai bocchettoni alari...
ovviamente se si fanno non in scala i bocchettoni non sarà in scala nemmeno la prima centina e ci sarà più aria

i bocchettoni non credo siano un problema... in un modo o nell'altro si fanno immagino

una domanda diretta per nino, hai misurato l'area dei due bocchettoni sommati quant'è?

l'area lorda di una ventola da 90 è 63,5 cm^2 in realtà bisognerebbe togliere l'area occupata "dall'ogiva"

diciamo che netta l'area non dovrebbe essere più di 56 cm^2

quindi i bocchettoni del 339 fly fly dovrebbero essere 42 cm^2 l'una, sono di più o di meno?
Avatar utente
Josseff
COLONNELLO
COLONNELLO
 
Messaggi: 673
Iscritto il: mar apr 08, 2008 10:00 pm

Messaggioda brigher » ven nov 04, 2011 8:45 pm

Rileggendo con più attenzione il tuo il post precedente e poi questo nuovo, mi sembra di capire o di interpretare la tua idea…
Quindi una fusoliera che a parte l’apertura della capottina sarebbe chiusa anche nella zona dell’ala (bisognerà cmq prevedere nella fuso, in sede di realizzazione del master, un’apertura richiudibile e sufficientemente grande per inserire la ventola) e le semiali che si appoggiano a dx e a sx sulla fiancata della fuso, sorrette da una baionetta tubolare che fuoriesce dalla stessa fusoliera, sulla quale nel punto di attacco con l’ala sarà riportato il profilo alare e i raccordi.
Quindi poi sulle ali ci saranno le prese d’aria esterne (in legno o in fibra) che tramite un “canale” il più breve possibile convogliano l’aria nella pancia della fusoliera tramite uno o più fori di adeguate dimensioni praticati nella centina alla radice dell’ala e nella fiancata della fuso, li dove si appoggia l’ala. Poiché probabilmente queste aperture sarebbero insufficienti, verranno integrate anche da altre aperture praticate nel ventre della stessa fusoliera!

Ho capito bene?? Se fosse così può essere interessante ma bisogna prevederlo in anticipo durante la costruzione del master, altrimenti non sarà possibile poi effettuare modifiche, se il master sarà realizzato con lo scasso per l’ala!
Avatar utente
brigher
Capitano
Capitano
 
Messaggi: 208
Iscritto il: lun apr 07, 2008 10:00 pm
Località: MESSINA

Messaggioda Josseff » ven nov 04, 2011 9:49 pm

si, intendevo questo...

di fatto avevo postato quel link del barone dove il modello se pur molto diverso aveva questa tecnica...

secondo me l'apertura per l'ala diventa scomoda per piazzare componenti sia avanti che dietro... quindi tanto vale fare un apertura per la sola ventola all'altezza a cui andrà messa la ventola, che credo debba stare abbastanza dietro la sede dell'ala
Avatar utente
Josseff
COLONNELLO
COLONNELLO
 
Messaggi: 673
Iscritto il: mar apr 08, 2008 10:00 pm

Messaggioda ramirez76 » ven nov 04, 2011 11:19 pm

lo confesso... mi avete ... SCONFUSO :lol: :lol: :lol:

gia avevo poche idee e ben confuse.. ora... BUIO TOTALE :roll: :roll:

AD OGNI MODO DOMANI VI DO LE MISURE ;)
TJrc su Facebook

Immagine
Avatar utente
ramirez76
COLONNELLO
COLONNELLO
 
Messaggi: 2270
Iscritto il: dom apr 06, 2008 10:00 pm

Messaggioda brigher » sab nov 05, 2011 12:13 am

Nessuna confusione, anzi è tutto ancora più chiaro!!
In realtà la nuova idea è preferibile a quella che avevamo preso in considerazione fin'ora. E' più semplice e non richiede la costruzione di un ulteriore pezzo in fibra di un certo impegno, come sarebbe stato il tratto centrale dell'ala!
Prevede infatti una fusoliera totalmente chiusa (a parte capottina e apertura dove inserire la ventola) e le due semiali da attaccare alle fiancate della fuso, come nei modelli tradizionali con baionetta tubolare che attraversa la fusoliera. Alla radice delle semiali poi si costruiscono le prese d'aria (e in considerazione delle piccole dimensioni del pezzo potremmo farle anche prefabbricate in fibra). All'interno delle prese d'aria va poi ricavato un piccolo cassoncino che dalle bocche porta l'aria all'interno della fusoliera!! Interno della fusoliera che in tal caso sarebbe totalmente libero, a parte il passaggio del longherone tubolare il cui ø è relativamente piccolo!! E' ancora più semplice così!! :)
Avatar utente
brigher
Capitano
Capitano
 
Messaggi: 208
Iscritto il: lun apr 07, 2008 10:00 pm
Località: MESSINA

Messaggioda Roby » sab nov 05, 2011 8:03 pm

A questo punto perché non creare dei condotti che vanno dall'attacco dell'ala alla ventola?
Immaginate la centina forata, all'esterno della fusoliera si mette l'ala ed all'interno della fusoliera il condotto, il tutto perfettamente coincidente al momento dell'inserimento dell'ala.
Non so se sono stato chiaro, domani vedo di postare uno schizzo!
Roberto
Avatar utente
Roby
Amministratore
Amministratore
 
Messaggi: 1065
Iscritto il: dom apr 06, 2008 10:00 pm
Località: MESSINA

Messaggioda Josseff » dom nov 06, 2011 9:08 am

capito roberto... e questo si può fare se di prevedono dei condotti enormi... e se i condotti non fanno "percorsi strani"

questo aereo da ventolare è una vera seccatura, se vedi la posizione della ventola e quella dei bocchettoni ti accorgi che oltre a curvare verso l'interno devono anche salire parecchio, tutte curve che non fanno bene, per questo secondo me le prestazioni ottimali si raggiungono senza condotti e con il labbro
Avatar utente
Josseff
COLONNELLO
COLONNELLO
 
Messaggi: 673
Iscritto il: mar apr 08, 2008 10:00 pm

Messaggioda ramirez76 » dom nov 06, 2011 9:26 am

io ho scelto la ventola con il labbro per il mio per comodità (era seccante bilanciare la girante di serie..).. ma so anche di ottime prestazioni con quella originale
TJrc su Facebook

Immagine
Avatar utente
ramirez76
COLONNELLO
COLONNELLO
 
Messaggi: 2270
Iscritto il: dom apr 06, 2008 10:00 pm

Messaggioda Roby » dom nov 06, 2011 11:22 am

allora vada per la ventola con labro e niente condotti..
Daltronde molti modelli hanno la ventola montata senza condotti!
a questo punto seve il profilo alare da usare che andrà montato sul master.
Roberto
Avatar utente
Roby
Amministratore
Amministratore
 
Messaggi: 1065
Iscritto il: dom apr 06, 2008 10:00 pm
Località: MESSINA

Messaggioda ramirez76 » dom nov 06, 2011 12:27 pm

è un biconvesso simmetrico (abbastanza grosso) RG-14
TJrc su Facebook

Immagine
Avatar utente
ramirez76
COLONNELLO
COLONNELLO
 
Messaggi: 2270
Iscritto il: dom apr 06, 2008 10:00 pm

Messaggioda brigher » dom nov 06, 2011 2:29 pm

Penso che sia la soluzione più semplice e funzionale avere la ventola con il labbro collocata nella "pancia" vuota della fusoliera, fusoliera che sarebbe sgombra quindi da qualsiasi ostacolo (a parte la baionetta tubolare per le semiali) e dentro la quale l'aria confluirebbe dalle prese alari (tramite le aperture della centina alla radice dell'ala e della stessa fusoliera così come scritto in precedenza) e, nel caso risultassero insufficienti, anche da qualche altra apertura ventrale.

Ho dato un'occhiata al programma "Profili" e ho visto che risultano diversi profili sempre classificati come RG-14, ma con diverse percentuali di spessore massimo (..insomma, altezza della centina, nel caso fosse più chiaro :) ).
RG-14 è innanzitutto un profilo biconvesso Asimetrico...lo spessore delle diverse varianti, denominate RG-14, RG-14 9%, RG-14 9.5%, RG-14 10%, parte da 8,5% e finisce con il 10% di spessore massimo.

Giusto per attenerci o quanto meno confrontarci con il FlyFly, sarebbe opportuno misurare in un qualsiasi punto (anzi sarebbe meglio farlo in più punti!) il valore della corda dell'ala e il suo spessore massimo in quel punto, così da capire che percentuale di spessore hanno usato per il profilo.
Ultima modifica di brigher il dom nov 06, 2011 2:39 pm, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
brigher
Capitano
Capitano
 
Messaggi: 208
Iscritto il: lun apr 07, 2008 10:00 pm
Località: MESSINA

Messaggioda Josseff » dom nov 06, 2011 2:36 pm

anche se suona strano a dirsi...

lo spessore del profilo lo si potrebbe scegliere anche in base alle prese d'aria... più è spesso il profilo meno si noterà un eventuale fuori scala dei bocchettoni, certo non si può esagerare cmq viste le dimensioni non scenderei sotto il 12% e non sopra il 16%
Avatar utente
Josseff
COLONNELLO
COLONNELLO
 
Messaggi: 673
Iscritto il: mar apr 08, 2008 10:00 pm

Messaggioda brigher » dom nov 06, 2011 2:48 pm

Josseff ha scritto:anche se suona strano a dirsi...

lo spessore del profilo lo si potrebbe scegliere anche in base alle prese d'aria... più è spesso il profilo meno si noterà un eventuale fuori scala dei bocchettoni, certo non si può esagerare cmq viste le dimensioni non scenderei sotto il 12% e non sopra il 16%


Può essere un'idea!
Si può elaborare RG-14 tramite una funzione presente nel programma "Profili" e portarlo ad es. al 12% o 13%...senza esagerare con lo spessore però, perchè ad es. ieri al campo sentivo voci di chi vorrebbe invece un profilo il meno spesso possibile per correre di più!! :D :) :) :) :)
Avatar utente
brigher
Capitano
Capitano
 
Messaggi: 208
Iscritto il: lun apr 07, 2008 10:00 pm
Località: MESSINA

PrecedenteProssimo

Torna a Aeromodellismo in generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron