AERMACCHI MB 339A FIBRA "CONCEPT"

Il mondo dell'aeromodellismo in generale

Messaggioda Roby » mer nov 02, 2011 4:34 pm

Ok, aggiudicata l'ala in polistrolo rivestito in balsa.
Bisogna però progettare il blocco aspirazione centrale che termini subito dopo i bocchettoni.
Le baionette saranno poi integrate nel blocco centrale e le ali saranno infilate sulla baionetta annegata nello stampo!
Che ne pensate?
Roberto
Avatar utente
Roby
Amministratore
Amministratore
 
Messaggi: 1065
Iscritto il: dom apr 06, 2008 10:00 pm
Località: MESSINA

Messaggioda Marcello » mer nov 02, 2011 9:01 pm

Cari amici
sono stato domenica da mia figlia a Viterbo e, come ho fatto alcune volte, sono andato alla pista locale dove ormai mi conoscono.
Con piacere ho visto un signore con un aermacchi uguale a quello di Nino ,ben fatto e che vola altrettanto bene.Stessa configurazione con i carrelli elettrici.
Ma la cosa che mi ha fatto più piacere che questo signore vorrebbe farlo in fibra.
Gli ho detto che era in corso nel nostro sito un forum a tal proposito e con meraviglia mi ha risposto che conosceva voloclubfenice.com e segue con interesse la diatriba che si sta svolgendo!
Avatar utente
Marcello
Tenente
Tenente
 
Messaggi: 60
Iscritto il: mar apr 08, 2008 10:00 pm

Messaggioda ramirez76 » mer nov 02, 2011 9:34 pm

porca miseria... devo stare attento a non scrivere troppe cavolate al mio solito allora :lol: :lol:
Avatar utente
ramirez76
COLONNELLO
COLONNELLO
 
Messaggi: 2270
Iscritto il: dom apr 06, 2008 10:00 pm

Messaggioda brigher » mer nov 02, 2011 10:54 pm

ramirez76 ha scritto:ho avuto l occasione di vedere moooooooooto da vicino in questi giorni il 339 2x2......


Nel caso ti fosse possibile vederlo ancora, sarebbe interessante fare qualche foto della parte centrale dell'ala, esattamente l'apertura che ho evidenziato con un cerchio:
Immagine

E' importante capire come sia stata rinforzata la struttura in quella zona e se sia stato applicato qualche altro longherone, soprattutto anteriormente vicino le prese d'aria e/o nel punto di massimo spessore del profilo.


P.S. @ Marcello: sapevo che il ns sito è abbastanza seguito anche lontano da noi.......il tuo racconto ne è una piacevole conferma! :)
Avatar utente
brigher
Capitano
Capitano
 
Messaggi: 208
Iscritto il: lun apr 07, 2008 10:00 pm
Località: MESSINA

Messaggioda Josseff » mer nov 02, 2011 11:06 pm

secondo me c'è solo quel longherone che si vede intorno al 60% della corda massima, e con quella struttura penso sia pure abbastanza

diciamo che nel punto massimo useremmo un longherone di una certa dimensione... messo in posizione diversa va ridimensionato diciamo

l'importante è che siano rigidi gli attacchi

ricordatevi che gli aerei veri non hanno longherone passante (o quanto meno non tutti) prendete gli aerei seconda guerra mondiale imbarcati, avete mai visto un immagine del corsair con le ali chiuse?
Avatar utente
Josseff
COLONNELLO
COLONNELLO
 
Messaggi: 673
Iscritto il: mar apr 08, 2008 10:00 pm

Messaggioda Josseff » mer nov 02, 2011 11:26 pm

cmq in ogni caso credo vi stiate facendo dei problemi strani, perchè:

se si monta una turbina, la quantità di aria che deve arrivarle è poca e il flusso non deve necessariamente essere pulito

nel caso di ventola intubata se si vogliono fare i condotti che portano alla ventola direttamente dalle prese d'aria allora credo sia difficile se non imopssibile prevedere più dei condotti alari, quindi niente prese d'aria in fusoliera sul ventre (il flyfly ne ha una se pur piccola)

se invece si vuole usare la ventola con labbro (ho letto più volte sul barone che fare i condotti efficenti è così difficile che le prestazioni della soluzione con labbro in genere risultano equivalenti alla soluzione con condotti),
allora si risolvono un sacco di problemi, si possono mettere tutte le prese d'aria che si vogliono e come si vogliono (quasi), in oltre si potrebbero usare le de semiali divise con la baionetta tubolare che occupa in fusoliera pochissimo spazio e non interferisce troppo con l'aria in ingresso

in oltre se ci fate attenzione rispetto a come è collocata la ventola le prese d'aria sono molto più in basso, quindi i condotti farebbero una brutta curva per allinearsi (cosa che cmq farebbe evitare il longherone di un ala unica)
Avatar utente
Josseff
COLONNELLO
COLONNELLO
 
Messaggi: 673
Iscritto il: mar apr 08, 2008 10:00 pm

Messaggioda ramirez76 » gio nov 03, 2011 9:09 am

per la mia esperienza (piccola direi) se adottassimo la soluzione della baionetta di barbonio anche davanti alle prese d'aria alari (come nel mio 339)... non cambierebbe praticamente nulla per la ventola... al max si potrebbe agevolare la "portata" d'aria di quella sul ventre con un "invasatura" stile f16 - g91 :) (magari in pvc per "mimetizzarla" meglio)

ps
mi pare che ..
Immagine
..ci stiamo perdendo in un bicchiere d' acqua pero ora .. :roll: :roll:

se passiamo alla "fase esecutiva" sarà più semplice risolvere e studiare un problema per volta secondo me..
TJrc su Facebook

Immagine
Avatar utente
ramirez76
COLONNELLO
COLONNELLO
 
Messaggi: 2270
Iscritto il: dom apr 06, 2008 10:00 pm

Messaggioda brigher » gio nov 03, 2011 11:10 am

D'accordo su tutto, anche per il "bicchiere d'acqua" :) :)

Il labbro per la ventola se ci evita di dover incanalare i flussi è un'ottima cosa, ma forse può aumentare gli ingombri.
Ok per la baionetta, ma attualmente non è importante se le semiali andranno incollate o unite con una baionetta al tratto centrale con le prese d'aria......

...è importante invece avere dei punti fermi che a mio parere sono:


1) Fusoliera senza prese d'aria e con due sole aperture: una anteriormente per la capottina e una sotto per il vano dell'ala (..come nel 339 Graupner)

2) Prese d'aria realizzate in fibra assieme alla radice dell'ala e per il tratto strettamente necessario, per un totale di ca. 30cm di apertura (339 Graupner docet, ma senza la continuazione dell'ala oltre le prese d'aria!!)



E' OK???????
Avatar utente
brigher
Capitano
Capitano
 
Messaggi: 208
Iscritto il: lun apr 07, 2008 10:00 pm
Località: MESSINA

Messaggioda Roby » gio nov 03, 2011 11:16 am

OKKEISSIMOOO
Partiamo con la realizazione!!!
Oggi se posso vado a stampare il trittico a misura e comincio a creare l'anima della fusoliera!
Roberto
Avatar utente
Roby
Amministratore
Amministratore
 
Messaggi: 1065
Iscritto il: dom apr 06, 2008 10:00 pm
Località: MESSINA

Messaggioda brigher » gio nov 03, 2011 11:35 am

Perfetto!!

In ogni caso per essere chiaro il più possibile, nella rielaborazione della foto sotto, le dimensioni del pezzo in fibra che comprende le prese d'aria e la radice dell'ala:

Immagine
Avatar utente
brigher
Capitano
Capitano
 
Messaggi: 208
Iscritto il: lun apr 07, 2008 10:00 pm
Località: MESSINA

Messaggioda ramirez76 » gio nov 03, 2011 12:26 pm

perfetto.. ma il vano che hai elaborato graficamente come è attaccato all' ala
TJrc su Facebook

Immagine
Avatar utente
ramirez76
COLONNELLO
COLONNELLO
 
Messaggi: 2270
Iscritto il: dom apr 06, 2008 10:00 pm

Messaggioda Josseff » gio nov 03, 2011 1:12 pm

se posso dare un consiglio, guardate come è realizzato questo:
http://www.baronerosso.it/forum/aeromod ... -hawk.html

non c'entra nulla con il 339 ok, ma fare la fusoliera intera con l'ala in due pezzi da un enorme vantaggio, le prese d'aria ventrali in prossimità della ventola, che non potrebbero essere praticate attraverso l'ala

(se si vernicia l'interno della susoliera dello stesso colore dell'esterno i buchi nemmeno si vedono)

il labbro cmq non credo sia un grosso problema di spazio, in genere non esce dal diametro dei supporti della ventola e cmq una 90 in una fusoliera di un 339 da un metro e quaranta ci sta molto larga
Avatar utente
Josseff
COLONNELLO
COLONNELLO
 
Messaggi: 673
Iscritto il: mar apr 08, 2008 10:00 pm

Messaggioda ramirez76 » gio nov 03, 2011 10:11 pm

questo il "sunto" dopo alcune ricerche in merito:

La superficie della presa d'aria non deve per nessuna ragione essere inferiore a quella della ventola . Se le prese d'aria sono più di una ovviamente si somma la loro superficie. Molto meglio se la superficie delle prese d'aria e' vicina ad una volta e mezzo quella della ventola.

In quanto al condotto d' uscita ovviamente più e' corto e meglio e'.
Deve essere non liscio perchè un condotto speculare tende a formare bolle di separazione che ostacolano il flusso, meglio mantenere uno strato limite turbolento quindi che avere uno strato limite che passa da laminare a turbolento qua e la generando bolle deleterie.
Inoltre deve essere privo di curve e se poi è perfettamente raccordato fino alla ventola è bene, altrimenti risulta necessario usare il labbro davanti alla ventola.
Esso ha una riduzione intorno al 10% rispetto alla superfice della ventola. Molto dipende dal tipo di aereo pero', quelli molto profilati nati per sole punte velocistiche possono avere anche una riduzione del 15%, aerei acrobatici ma non veloci (L39, mb339 ) prediligono la spinta statica alla velocità di efflusso quindi va bene una riduzione del solo 5%. Teniamo sempre a mente che più restringiamo il cono di uscita e più aumenta la velocità ma anche i consumi
TJrc su Facebook

Immagine
Avatar utente
ramirez76
COLONNELLO
COLONNELLO
 
Messaggi: 2270
Iscritto il: dom apr 06, 2008 10:00 pm

Messaggioda brigher » gio nov 03, 2011 11:57 pm

ramirez76 ha scritto:perfetto.. ma il vano che hai elaborato graficamente come è attaccato all' ala


Si può fare in diversi modi...possiamo optare per una baionetta tubolare e avere l'ala in tre pezzi con le semiali sfilabili dal tratto centrale, oppure l'ala intera incollando le semiali al pezzo centrale in fibra, che in tal caso deve incorporare un longherone in legno al quale incollare le semiali.

Se le prese d'aria risultano insufficienti, non credo sia un problema praticare qualche apertura nel ventre, sia nel caso di un'ala in un sol pezzo che con le semiali separate, anche se ovviamente non troppe come quelle viste sul del Bae Hawk del Barone poichè indeboliremmo molto la struttura.

Per quanto riguarda il condotto di uscita dell'aria, ritengo che il ø finale sia in base alle dimensioni del foro di scarico della ns fusoliera, tranne che non decidiamo di andare fuori scala allargandolo o restringendolo...in ogni caso il ø dello scarico è in funzione delle dimensioni della ventola istallata!!
Facendo dei rapidi calcoli, il ø del foro di uscita nella ns fusoliera dovrebbe aggirarsi intorno ai 70mm se restiamo in scala....non penso, in base a quanto scritto da Nino, che potrà andar bene questa misura per una ventola ad es da 90mm!!


P.S. Quanti mm. è il ø dello scarico del 339 FlyFly???
Avatar utente
brigher
Capitano
Capitano
 
Messaggi: 208
Iscritto il: lun apr 07, 2008 10:00 pm
Località: MESSINA

Messaggioda ramirez76 » ven nov 04, 2011 4:39 am

sembrerà strano.. Ma siamo sul 20% circa.. è 74mm (leggevo cmq di molti che hanno tagliato un pezzo di coda x aumentarlo ma onestamente non ne ho avvertito la necessità volando cosi....).
TJrc su Facebook

Immagine
Avatar utente
ramirez76
COLONNELLO
COLONNELLO
 
Messaggi: 2270
Iscritto il: dom apr 06, 2008 10:00 pm

Messaggioda Roby » ven nov 04, 2011 8:21 am

Disegno stampato al plotter.
Maaaazzzateee quanto è grosso... hihihihi...
Lunghezza esatta 145cm
Approfitterò del weekend per vedere di mettere mani sul progetto....
Innanzitutto formare l'anima del master...!
Roberto
Avatar utente
Roby
Amministratore
Amministratore
 
Messaggi: 1065
Iscritto il: dom apr 06, 2008 10:00 pm
Località: MESSINA

Messaggioda ramirez76 » ven nov 04, 2011 10:17 am

la grandezza è giusta.:):) mi piace x quello :):) e cmq resta facile da trasportare... Anche se.. Diventa più delicato portare 2modelli in macchina . Ma questo è un altro discorso..
TJrc su Facebook

Immagine
Avatar utente
ramirez76
COLONNELLO
COLONNELLO
 
Messaggi: 2270
Iscritto il: dom apr 06, 2008 10:00 pm

Messaggioda Roby » ven nov 04, 2011 10:54 am

Una cosa molto importante...

Che profilo usiamo?
E' importantissimo che lo sappia perchè nella progettazione della fusoliera va stabilito al momento della preparazione del profilo in compensato che sarà l'anima del modello!
Qual'è la distanza del bordo d'entrata dal muso?
Qual'è la corda alare all'attacco della fusoliera?
Qual'è l'incidenza dell'ala e quale quella del piano di cosa?

Fatemi avere tutti questi dati così posso iniziare.
Roberto
Avatar utente
Roby
Amministratore
Amministratore
 
Messaggi: 1065
Iscritto il: dom apr 06, 2008 10:00 pm
Località: MESSINA

Messaggioda ramirez76 » ven nov 04, 2011 11:03 am

Se ti riferisci al mio nella pagina precedente trovi alcune quote. X altre te li mando appena finisco dal lavoro
TJrc su Facebook

Immagine
Avatar utente
ramirez76
COLONNELLO
COLONNELLO
 
Messaggi: 2270
Iscritto il: dom apr 06, 2008 10:00 pm

Messaggioda brigher » ven nov 04, 2011 11:15 am

ramirez76 ha scritto:sembrerà strano.. Ma siamo sul 20% circa.. è 74mm (leggevo cmq di molti che hanno tagliato un pezzo di coda x aumentarlo ma onestamente non ne ho avvertito la necessità volando cosi....).


Roby ha scritto:Disegno stampato al plotter.
Maaaazzzateee quanto è grosso... hihihihi...
Lunghezza esatta 145cm
Approfitterò del weekend per vedere di mettere mani sul progetto....
Innanzitutto formare l'anima del master...!


Nella realizzazione del master è importante tener conto fin da adesso del ø massimo che può avere lo scarico del ns modello, in base alle diverse ventole che si possono istallare.

Date le caratteristiche di volo del 339 (non particolarmente veloce), è preferibile che il foro di uscita sia più grande di quanto sarebbe se fatto in scala esatta e quindi penso sia opportuno aumentare il ø rispetto al FlyFly, anche in considerazione del montaggio di ventole da 90mm (...o anche più??) :?: ovviamente se tutto ciò non stravolge la linea generale dell'aereo!



Roby ha scritto:Una cosa molto importante...

Che profilo usiamo?
E' importantissimo che lo sappia perchè nella progettazione della fusoliera va stabilito al momento della preparazione del profilo in compensato che sarà l'anima del modello!
Qual'è la distanza del bordo d'entrata dal muso?
Qual'è la corda alare all'attacco della fusoliera?
Qual'è l'incidenza dell'ala e quale quella del piano di cosa?

Fatemi avere tutti questi dati così posso iniziare.


- Io userei lo stesso profilo del FlyFly.
- Dovresti anche tracciare sulla vista laterale la linea orizzontale di riferimento della fusoliera che puoi ricavarti dalle 6 sezioni (Se osservi attentamente le sezioni/ordinate nel trittico, si nota una linea orizzontale che le taglia. Questa linea, opporunamente riportata nella vista laterale sarà la linea di riferimento della fuso per dare la giusta incidenza ad ala e timone)
- Sia la distanza dell'ala dal muso che la corda alare puoi ricavarli dal trittico
- Io penso che le incidenze possano essere a zero (solo tracciando la linea di riferimento della fusoliera potremo posizionarli correttamente), in ogni caso bisogna osservare il FlyFly per avere un termine di paragone

P.S. Adesso provo ad elaborare graficamente il trittico così da dare delle indicazioni più precise
Avatar utente
brigher
Capitano
Capitano
 
Messaggi: 208
Iscritto il: lun apr 07, 2008 10:00 pm
Località: MESSINA

PrecedenteProssimo

Torna a Aeromodellismo in generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron